Mostre: durata e orari

Mostra Fotografica “I soj tornat d’estàt” al centro studi

Dato il costante flusso di visitatori, saranno prolungate fino alla fine del 2010 le tre mostre, promosse nel corso dell’anno dal Centro Studi Pier Paolo Pasolini, che attualmente impreziosiscono a Casarsa della Delizia le stanze di Casa Colussi, sede del Centro, e si affiancano agli importanti materiali d’archivio pasoliniano, fotografici e pittorici, stabilmente esposti. Il pubblico potrà ancora ammirare, dunque, la mostra “Tracce di teatro”, piccola e originale esposizione di alcuni materiali dei scena,quali locandine, programmi di sala e foto, che sono stati raccolti in occasione del convegno di studi di novembre “Pasolini e il teatro” e che hanno accompagnato alcune memorabili messinscene novecentesche da testi pasoliniani. Collateralmente saranno visitabili anche le due mostre fotografiche “Il Vangelo secondo Matteo” e “I luoghi di Pasolini”, rispettivamente del maestro Domenico Notarangelo, autore di bellissimi scatti sul set del film omonimo girato da Pasolini a Matera nel 1964, e del giovane fotografo-rivelazione di Reggio Emilia, Andrea Paolella, che per quattro anni si è impegnato a fissare in bianco e nero gli spazi in cui Pasolini ha abitato o che ha trasfigurato in scrittura letteraria, dal 1922 al 1952.Una mostra, quest’ultima, che poi resterà in dotazione permanente dell’archivio del Centro Studi, a disposizione per prestiti e allestimenti anche fuori regione, come avverrà con ogni probabilità nella primavera del 2011 proprio a Reggio Emilia, città natale anche del grande amico di gioventù di Pasolini Luciano Serra che con Paolella ha co-firmato il bel catalogo omonimo (ed. Silvana Editoriale) abbinato all’esposizione.

"I luoghi di Pasolini". Copertina
“I luoghi di Pasolini”. Copertina