Il Centro Studi ricorda Angela Felice

angela_felice_enrique_irazoqui

Venerdì 22 giugno, a partire dalle ore 21.00, a circa un mese e mezzo dalla sua improvvisa scomparsa, il Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia chiama a raccolta alcuni amici che hanno conosciuto e lavorato con Angela Felice, dal 2009 direttore del Centro Studi, appassionata divulgatrice dell’opera pasoliniana soprattutto fra le giovani generazioni, studiosa e animatrice infaticabile dell’attività di ricerca proposta da Casa Colussi sulla figura del grande intellettuale casarsese, per una serata in suo ricordo.

Il primo momento vedrà la scopertura della poesia O me donzel che con la sua presenza muraria rinnova gli spazi e l’ingresso del Centro Studi; a seguire nel cortile (o, in caso di maltempo, nella sala consiliare di Casarsa, a Palazzo Burovich) amici e collaboratori ricorderanno Angela Felice con testimonianze, letture, immagini, musica e canti.

Saranno letti i molti messaggi di ricordo e cordoglio giunti al Centro Studi da tutta Italia e dal mondo dalle tante personalità illustri che negli anni di attività spesi per il Centro Studi, Angela Felice aveva accolto e radunato con acuta intelligenza e appassionata umanità. Fra gli altri hanno già confermato la loro presenza Fabiano Fantini, Aida Talliente, Mario Brandolin, Valter Colle, Claudio e Marinella Vino, Cesare Genuzio, Claudio De Maglio, Teresa Tassan Viol, Roberto Chiesi, Giacomo Trevisan, Paolo Patui, Fabiana Dallavalle, Claudia Grimaz, Nicoletta Oscuro, Gianni Fassetta.

Ricordando angela

 

Approfittiamo di quest’occasione anche per rilanciare il bel ritratto dedicato da Massimo Raffaelli ad Angela Felice, apparso sulle colonne de «Il Manifesto» del 4 maggio 2018.

 

Addio ad Angela Felice, a Casarsa con Pasolini

di Massimo Raffaelli

Ritratti. La scomparsa della critica letteraria e direttrice del Centro Studi «Pier Paolo Pasolini»

Angela Felice, mancata a Udine il 2 maggio, era una umanista nel senso più compiuto perché associava la cultura rigorosa a una passione che decenni di lavoro e di impegni istituzionali (dal 2009 era direttrice del Centro Studi «Pier Paolo Pasolini» di Casarsa della Delizia) non avevano in niente scalfito. Il suo sorriso, la sua eleganza, il profilo mitteleuropeo davano infatti una speciale luminosità alla tenacia e al suo grande fervore organizzativo.

A lungo docente liceale, Angela Felice lascia una cospicua bibliografia critica, dalla Introduzione a D’Annunzio (Laterza 1991) a numerose monografie teatrali, tra cui L’attrice Marchesa, uno studio su Adelaide Ristori edito da Marsilio nel 2006. E proprio il teatro era stato il suo amore primordiale, come testimonia non soltanto una longeva attività di critica militante al «Gazzettino» ma l’impegno diretto sia nel Palio studentesco udinese (una vera couche, una forgia di giovani talenti) sia nella direzione del Teatro Club di Udine.

Al Centro Studi Pasolini aveva infine trasferito tutto lo spessore di una ormai raggiunta maturità e qui la affiancavano alcuni sodali e intellettuali di rango, quali per esempio i cineasti Piero Colussi e Luciano De Giusti.

A pensare oggi il lavoro di Angela è chiaro come suo scopo fosse non tanto propagare quanto letteralmente intramare la figura e il lascito di Pasolini: di qui il costante rapporto con altre istituzioni come la Cineteca di Bologna o il «Premio Volponi» (memorabile nel 2015 un seminario su Pasolini e Volponi curato da lei e Giuseppe Buondonno) e di qui l’ospitalità a Casarsa per grandi artisti, scrittori, teatranti, fotografi (Angela aveva un debole per l’irresistibile simpatia di Mario Dondero), convenuti nel ricordo e/o nel segno dell’autore delle Ceneri di Gramsci.

Di particolare importanza i convegni monografici, a cadenza annuale, programmati dal 2011 sui rapporti di Pasolini con la televisione, il teatro, la pedagogia, i dialetti, il giornalismo, i cui Atti sono pubblicati da Marsilio nei «Quaderni del Centro Studi» (e l’ultimo si intitola Lo scrittore al tempo di Pasolini e oggi, 2017): lì suo merito specifico, si direbbe maieutico, è di avere invitato e avvalorato studiosi della generazione successiva a quella dei pasoliniani storici, fra i numerosi altri Marco A. Bazzocchi, Andrea Cortellessa, Roberto Carnero, Filippo La Porta, Roberto Chiesi e Antonio Tricomi, al quale ultimo Angela Felice ha affidato la prefazione al libro che sentiva più suo e che oggi non può non apparire un testamento, L’utopia di Pasolini (Bottega Errante 2017).

In margine a un convegno, qualche mese fa, lo scorso novembre, per il programma «Le Meraviglie di Radio3», davanti alla chiesetta di Versuta che li aveva ispirati si prestò a leggere in friulano i versi fondativi delle Poesie a Casarsa, «Fontana d’acqua del mio paese…»: la sua voce aveva la limpidezza di quell’acqua e, ancora una volta, del suo stesso sorriso.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.