A Bologna presentazione di due volumi della collana Marsilio “Pasolini. Ricerche”

Cineteca di Bologna

A Bologna, venerdì 17 febbraio 2017, alle ore 18.30, presso la Biblioteca Renzo Renzi della Fondazione Cineteca di Bologna ( Piazzetta Pier Paolo Pasolini – via Azzo Gardino 65/b), si terrà un importante momento di riflessione sull’opera di Pasolini. L’occasione sarà fornita dalla presentazione di due volumi della collana “Pasolini. Ricerche”, ossia Pasolini e la pedagogia, curato da Angela Felice e Roberto Carnero, e Pasolini oggi. Fortuna internazionale e ricezione critica, curato dalla stessa Felice insieme a Arturo Larcati e Antonio Tricomi. Si tratta di due libri, che raccolgono gli Atti di due distinti convegni organizzati nel 2013 e nel 2015  dal Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa e che, con diversi approcci disciplinari e in ottica aggiornata, perlustrano aspetti portanti della testimonianza pasoliniana. Da un lato, è al centro la vocazione pedagogica che connotò l’intero impegno dell’autore fin dagli anni giovanili, nel quadro della configurazione novecentesca dell’intellettuale educatore e guida civile della comunità; dall’altro, campeggia la ricerca delle ragioni possibili della vistosa e appassionata attenzione critica di cui l’opera di Pasolini continua a essere oggetto, con una espansione di dimensioni davvero globali.
A dibattere su questi temi saranno la curatrice Angela  Felice,  direttore  del  Centro Studi Pasolini di Casarsa,  Marco Antonio Bazzocchi, studioso e critico letterario dell’Università di Bologna, Stefano Casi, critico teatrale e direttore di Teatri di Vita, e Roberto Chiesi, responsabile del Centro Studi-Archivio Pasolini della Cineteca di Bologna.
Pubblichiamo qui il comunicato diffuso dallo stesso Centro Studi bolognese, che è promotore dell’incontro.

Presentazione dei volumi
“Pasolini e la pedagogia” 
“Pasolini oggi. Fortuna internazionale e ricezione critica”
(Marsilio, 2013-2015)

venerdì 17 febbraio 2017, ore 18.30
Biblioteca Renzo Renzi della Fondazione Cineteca di Bologna
Piazzetta Pier Paolo Pasolini – via Azzo Gardino 65/b
Bologna

"Pasolini e la pedagogia" (Marsilio). Copertina

“Pasolini e la pedagogia” (Marsilio). Copertina

Il pensiero di Pasolini continua a sollecitare vivaci dialettiche in ambiti molto  diversi,  come la pedagogia, mentre la diffusione della sua opera ha ormai raggiunto dimensioni tali da costituire un fenomeno unico in Italia e all’estero:  questi  due  volumi,  recentemente pubblicati dal Centro Studi Pasolini di Casarsa, riuniscono gli atti di convegni organizzati dal Centro Studi  friulano  nel  2013  e  nel  2015,  cui  hanno  partecipato studiosi internazionali, e intendono offrire nuove analisi e riflessioni critiche.
Pasolini   e   la   pedagogia,  curato  oltre  che  da  Angela Felice  dal docente  e   saggista   Roberto Carnero,  è  introdotto  da  uno  scritto  di  Enzo  Golino.  La vocazione pedagogica è  stata una costante del pensiero e dell’attività di Pasolini, che aveva individuato nell’attenzione per l’educazione dell’individuo e della collettività il ruolo specifico dell’intellettuale.
Già a partire dagli   anni  friulani,  Pasolini  ebbe  modo  di  manifestare  questa  sua attitudine sia come insegnante nella scuola pubblica, sia in esperimenti di formazione  in  contesti non formali. Al centro del suo impegno pedagogico, c’era il desiderio di riscattare la base della società dallo sradicamento operato dalla borghesia   neocapitalistica,   colpevole   –  secondo l’intellettuale – di aver imposto i suoi “disvalori”  a partire dalla corsa ai  consumi, e il tutto operato con una modalità seducente, abbassando così il livello di resistenza critica. Nei  contributi  dei  relatori  raccolti  nel  volume,  un’attenzione viene rivolta  anche  al  confronto tra il metodo pedagogico pasoliniano e quello della scuola di oggi.

"Psolini oggi. Fortuna internazionale e ricezione critica" (Marsilio). Copertina

“Psolini oggi. Fortuna internazionale e ricezione critica” (Marsilio). Copertina

Pasolini  oggi. Fortuna internazionale e ricezione critica, curato da Angela Felice, Arturo Larcati (Università di Verona) e Antonio Tricomi (Università di Urbino), intende essere un bilancio aggiornato dei molteplici livelli di lettura dell’opera di Pasolini, che, nelle sue multiformi espressioni, continua a configurarsi alla stregua di un imprescindibile punto d riferimento per la contemporaneità e come una testimonianza vitale di dimensioni globali.
Un  sondaggio  aperto  e  problematico, che non mira allo spoglio meramente quantitativo  dei  dati inerenti la fortuna critica del corpus pasoliniano, ma ambisce a vagliarne le più proficue interpretazioni, tentando di riconoscere  e di  contestualizzare le ragioni profonde del persistente
dialogo del poeta delle Ceneri con il presente e –addirittura- con il futuro, al di là dell’inerzia di vuoti atteggiamenti agiografici e senza mai collocarsi al traino delle mode del consumismo culturale. Varie sessioni articolano dunque il libro, nella doppia prospettiva della ricezione di Pasolini sullo scenario internazionale (anche extraeuropeo) e su quello nazionale.

Interverranno all’incontro la  curatrice  Angela  Felice,  direttore  del  Centro Studi Pasolini di Casarsa,  Marco Antonio Bazzocchi, studioso e critico letterario dell’Università di Bologna, Stefano Casi, critico teatrale e direttore di Teatri di Vita, e Roberto Chiesi, responsabile del Centro Studi-Archivio Pasolini della Cineteca di Bologna.

Ingresso libero.

 

Print Friendly

Comments are closed.