angelafelice

Fino al 24 settembre 2017 va in scena al Franco Parenti di Milano il recital Memorie di Adriana, in cui l’attrice Adriana Asti, diretta da Andrée Ruth Shammah e affiancata da Andrea Soffiantini e Andrea Narsi, su musiche al pianoforte di Alessandro Nidi, ripercorre la sua vita di donna e di artista, sullo sfondo degli anni d’oro della cultura italiana. La traccia è fornita dal libro Ricordare e dimenticare a cui la stessa Asti ha consegnato le sue memorie, legate anche a Pasolini di cui fu grande amica e per il quale fu attrice nei film Accattone e Che cosa sono le nuvole? Per l’occasione dello spettacolo Valeria Palumbo traccia un bel ritratto dell’attrice, che dall’alto dei suoi ottantasei  anni è anche testimone di una rete di contatti con i grandi artisti di un’Italia lontana e ormai perduta.

Perché le signore della scena hanno diritto a celebrarsi
di Valeria Palumbo

http://teatro.persinsala.it – 21 settembre 2017

Anche lei? Anche Adriana Asti non resiste alla tentazione del “riepilogo” dei passati 86 anni, dei quali ben 66 trascorsi sul palcoscenico o davanti alla macchina da presa? Anche lei finge di non tenerci, addirittura si sdoppia, fa raccontare la sua vicenda da una presunta alter ego, si porta in scena un attore che fa l’ammiratore e l’altro che fa più o meno il lacché? Anche lei non può fare a meno di snocciolare alcuni suoi cavalli di battaglia e perfino, nel mostrarsi com’era, esibire i suoi nudi?

Adriana Asti e Pasolini ai tempi di "Accattone" (1961)

Adriana Asti e Pasolini ai tempi di “Accattone” (1961)

Ebbene sì. Anche Adriana Asti non resiste. E nello spettacolo Memorie di Adriana, che Andrée Ruth Shammah ha tratto dalle sue memorie, va a ruota libera: dall’infanzia al cinema con Pasolini, Bertolucci, Visconti, Bolognini, Patroni Griffi, De Sica, Buñuel … ma l’elenco è troppo lungo. E qui è il punto. Adriana Asti è una brava attrice. Non la più brava.
C’è in lei qualcosa di sguaiato, la sua pronuncia risente della cadenza milanese, i suoi gesti non sono eleganti, la presenza in scena è frenata dagli anni e la sua figura non è di quelle che catalizza l’attenzione. Ma la sua voce è bellissima e ferma, il suo sguardo mobilissimo, ironico, ammiccante, la sua prosa sciolta. La sua stessa presenza mette allegria. Una bambina troppo allegra, come notava preoccupata sua madre. Una sorta di anti-folletto, l’esatto opposto di Ariel-Lazzarini. Piuttosto una Edith Piaf nostrana: irriverente, trasgressiva, pronta a tutto pur di piacere, ma anche imprevedibile, presuntuosa a tratti (i suoi testi sono simpatici, ma non indimenticabili). Perché allora andarla a sentire/vedere? Perché sotto il suo sguardo scanzonato sono passati “i migliori anni della nostra vita”, intesa come la vita culturale italiana del secondo Novecento.
Amica di Moravia, Pasolini, Bertolucci, Susan Sonntag, Visconti, Musatti, Natalia Ginzburg, Elsa Morante, eccetera eccetera, è saltata come un furetto dietro le indicazioni di Strehler e quelle dello stesso Pinter, si è fatta guidare da Gassman e da Bolognini, ha viaggiato, imparato le lingue, assorbito come una spugna le esperienze più varie, dalla Factory di Warhol ai film ungheresi di Márta Mészáros. Lei ricorda tutto. A noi sembra davvero di essere come su un treno: tutto corre veloce. Ma che paesaggio perduto!

Info
Lo spettacolo è in scena Teatro Franco Parenti, Sala Grande
Via Pier Lombardo, 14 │ Milano
fino al 24 settembre

Memorie di Adriana
di Andrée Ruth Shammah
tratto dal libro Ricordare e dimenticare
con Adriana Asti
e con Andrea Soffiantini e Andrea Narsi
al pianoforte Alessandro Nidi esegue sue musiche
drammaturgia Federica Di Rosa
scene Gian Maurizio Fercioni
luci Domenico Ferrari
(durata 1 ora e mezza)

 

24 settembre 2017
Adriana Asti

Al Parenti di Milano Adriana Asti racconta la sua vita d’attrice, anche al fianco di Pasolini

Fino al 24 settembre 2017 va in scena al Franco Parenti di Milano il recital Memorie di Adriana, in cui l’attrice Adriana Asti, diretta da Andrée […]
23 settembre 2017
Ninetto in "Che cosa sono le nuvole?"

Uno studio di Lorenzo Sangalli sul film di Pasolini “Che cosa sono le nuvole?”

Sabato 23 settembre 2017, alle ore 18,  nella Casa Canonica del borgo medioevale di Piedimonte di Casolla nel casertano sarà presentato il libro di Lorenzo Sangalli […]
22 settembre 2017
Massimo Popolizio

A Trescore (Bergamo) Popolizio legge “Ragazzi di vita” di Pasolini (22.9.’17)

A Trescore Balneario (Bergamo), il 22 settembre 2017,  Massimo Popolizio legge il romanzo di Pasolini  Ragazzi di vita, di cui, su adattamento drammaturgico di Emanuele Trevi, […]
21 settembre 2017
Carlo Alberto Pasolini

Al Cinema Lumière di  Bologna tavola rotonda su “Pasolini e la tragedia del padre”

Giovedì 21 settembre 2017, alle ore 17.30, presso il Cinema Lumière di Bologna, si terrà un’interessante tavola rotonda dal titolo Pasolini e la tragedia del padre, […]