Archivio

L’Archivio Pier Paolo Pasolini
del Centro Studi Pier Paolo Pasolini
Casa Colussi – Casarsa della Delizia (Pn)

L’Archivio Pier Paolo Pasolini del Centro Studi Pier Paolo Pasolini, sito in via G.A. Pasolini a Casarsa della Delizia, conserva il Fondo Andreina e Luigi Ciceri, il Fondo Domenico (Nico) Naldini e il Fondo Guglielmo Susanna. È costituito da carte manoscritte autografe e da dattiloscritti di Pasolini, risalenti al periodo friulano della sua attività letteraria; carteggi epistolari, originali e in fotocopia, tra Pasolini e vari corrispondenti, esponenti del mondo letterario, non solo friulano; alcune prime edizioni a stampa di opere pasoliniane o promosse da Pasolini, come i numeri degli “Stroligut”; manifesti politici, risalenti al 1949; documentazione fotografica; quadri di mano pasoliniana; carte autografe manoscritte e dattiloscritte del poeta Domenico Naldini, cugino di Pasolini. 

Tale Archivio si è costituito sia attraverso una politica mirata di acquisizioni, da parte della Provincia di Pordenone e del Comune di Casarsa della Delizia, sia grazie al lascito testamentario della famiglia Ciceri direttamente al Comune di Casarsa della Delizia. Con decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia, ai sensi dell’art.10 comma 3, lett. b), del D.lgs 22 gennaio 2004. n.42, l’Archivio Pasolini è stato dichiarato il 18 giugno 2010 “bene di interesse culturale” di importante rilievo e degno di “particolare tutela”, esercitata dalla Soprintendenza archivistica per il Friuli Venezia Giulia. L’Archivio è consultabile solo per attività di studio e ricerca dietro presentazione di motivata richiesta scritta, avallata da Enti Culturali e Strutture Universitarie, e previo appuntamento. Non sono consentite, senza autorizzazione e compatibilmente con lo stato di conservazione, la riproduzione o la pubblicazione di alcuno dei documenti.

Archivio